Regolamento cariche speciali

Riportiamo di seguito le leggi che regolano i privilegi conferiti a particolari Mestieri o agli Eletti degli Dei:

 

APPRENDISTI , DRUIDI, SACERDOTESSE

N

LEGGI

PENE

1

Coloro che sono stati investiti di una di queste cariche non possono essere attaccati da personaggi di razza Celta che non appartengano al Sacro Cerchio.

- Risarcimento del danno inflitto.

2

Questi personaggi hanno la facoltà di usufruire di incantesimi e sono l'unica casta autorizzata a farlo. Nessun altro personaggio deve introdurre nel gioco elementi magici.

- Un personaggio che faccia uso di magia pur non essendo un membro di tale classe e persista dopo 2 richiami, sarà punito con l'esilio da 1 a 5 giorni a seconda della gravità del fatto.

3

Questi personaggi, pur appartenendo ognuno ad una tribù diversa, sono assoggettati unicamente alle leggi del Sacro Cerchio, pertanto non potranno essere obbligati a seguire nessuna altra regola al di fuori di queste (es: pagamento di tasse).

- Richiamo al Capo Tribù che tenti di imporre le proprie leggi ad un personaggio appartenente al Sacro Cerchio.

4

Coloro che fanno parte del Sacro cerchio di Pietre, non possono attaccare con armi fisiche e/o  le spire i personaggi di razza celta che non appartengano al Sacro Cerchio.

- Risarcimento del danno inflitto

5

Incanti:- Esclusa la spira, ogni altro incanto deve essere preceduto da almeno due azioni descrittive dalle quali deve potersi chiaramente dedurre l’effetto che provocherà sul PG che lo riceverà. . (le azioni descrittive devono essere necessariamente scritte dopo la comparsa in chat del nick del pg bersaglio, così da permettere a questo l’interazione e devono essere alternate con azioni dello stesso)

- Non è possibile castare su terzi quando si è bersaglio di un altro SC, 

- Non è consentito usare " Lingua Intrecciata " o " Quiete " su un altro Sacrocerchiato

 

- Richiamo la prima volta;
- se il richiamo giunge durante la battaglia e si persevera  ignorando anche il successivo richiamo, esilio per tre giorni alla fine della battaglia; 
- se il richiamo giunge dopo la battaglia a seguito di segnalazione, verrà semplicemente annotato e conteggiato nel numero dei richiami ammessi nel mese (2) prima di procedere all’esilio;
- in caso si verifichi ancora nell’arco del mese successivo al richiamo o all’esilio, un solo richiamo (durante o successivamente alla battaglia) ed esilio se si persevera, senza ulteriori avvisi, per 3 giorni, aumentati di 2 ogni volta che si trasgredisce ulteriormente entro il mese dall’ultima punizione subita.
 

 

 

COME ACCEDERE ALLE CARICHE SPECIALI

DRUIDI E SACERDOTESSE

Coloro che vogliono entrare a far parte di questo gruppo dovranno avere almeno tre mesi di permanenza in gioco e far parte di una tribù, se queste due eventualità sono verificate, poi fare domanda secondo le modalità che vengono descritte in bacheca Druida al momento in cui vengono dichiarate aperte le iscrizioni.

MESSI

Per divenire messi è necessario conoscere bene le regole principali del gioco e fare richiesta al Capo dei Messi che deciderà sull’ammissibilità o meno al gruppo.

È vietata a qualsiasi PG l’interferenza con i messi che espletano la loro mansione, qualsiasi sia il luogo in cui avviene (spianate comprese, anche in caso di battaglie), in quanto essi mettono in pratica il punto 7 delle LEGGI (aiutano i PG iscritti da meno di 15 giorni ad ambientarsi) – possono essere attaccati solo se compiono una qualsiasi azione di attacco, dimostrando così di aver terminato il loro compito di MESSI e verranno da quel momento in poi considerati come qualsiasi altro PG di razza celta.

- Richiamo ufficiale verso il PG che non rispetta il ruolo del Messo e risarcimento pecuniario in caso di danno inflitto ingiustamente

- Esilio di 3 giorni in caso di recidiva, se si persevera, 2 giorni di aggiunta all’ultimo esilio comminato

 

FOLLI

N

LEGGI

PENE

1

I Folli non dovranno mai essere attaccati da personaggi di razza Celta. Essi, visto il loro particolare status, non potranno attaccare altri personaggi di razza Celta.

- In ambo i casi, risarcimento del danno inflitto.