Regolamento GDR

 

Ad ogni regola è associata una dicitura in parentesi, in corrispondenza della quale è da intendersi differente sanzione:

Regole generali
1 (master e mod) NON scrivete //off in chat: non esiste l’off, usate i messaggi immediati o la posta per comunicare cose non attinenti al gioco in modo da non si disturbare il gioco degli altri. Il GdR a Celtic è attivo 24 ore su 24, di conseguenza non hanno senso frasi come "GdR Off" ne' in luoghi pubblici ne' in bacheche dedicate al gioco.
2  (master e mod) I sussurri sono parte integrante del gioco, sono un'azione del vostro personaggio che viene percepita dagli altri presenti nel luogo, non usateli per cose non attinenti. Descrivete che vi avvicinate e sussurrate prima ancora di usare l'azione di sussurro.
E' da ricordare inoltre che l'uso dei sussurri va limitato a poche, essenziali occasioni e fare intere giocate di sussurri è considerato cattivo gioco.
3 (master e mod) Evitate l’uso di faccine o emoticons, potete usare benissimo frasi che descrivano la vostra mimica facciale e la vostra espressione rendendo meglio il vostro stato d’animo. I sorrisi non sono tutti uguali, descriveteli.
4 (master e mod) Esiste un saluto, usatelo. Imparatene altri attinenti al periodo..ma niente  : “bella lì…” o "weillà" come se vi ritrovaste davanti ad un bicchiere di birra.
5 (master) "Seguite" sempre il master, ove fosse presente, in caso di quest o di avventure nate all’improvviso. Non anticipate l`esito delle azioni, non inventatevi oggetti o luoghi non descritti dal fato.
6 (mod) Norme comportamentali inderogabili: È tassativamente vietata in qualsiasi parte del Gdr (compresa posta privata, sussurri, messaggi istantanei e bacheche) qualsiasi allusione, comportamento o azione che richiami anche in maniera velata regimi totalitari quali nazismo, fascismo o altre ideologie simili od opposte, insulti razzisti di qualsiasi tipo, verso qualsiasi etnia, discriminazioni sessuali o classismo verso qualunque genere di livello sociale o economico e provenienza o territoriale, le pene in caso di infrazione verranno decise in sede di Moderazione e saranno esemplari, per questo genere di violazione non c’è preavviso, ne richiamo, sono perentoriamente proibite!
7 (mod) Non sono permessi in alcun modo e ne tollerati, il cattivo gioco volto a minare la serenità del gioco e di chi ne prende parte, atteggiamenti di persecuzione ON ed OFF, e con questo si intende anche il prendere volutamente di mira un qualsiasi PG impedendogli di fatto di giocare serenamente, le giocate insensate o contrarie allo scopo del gioco, azioni non coerenti con il contesto globale del gioco e nello specifico, della giocata alla quale si prende parte, il flame e l'ostinazione nell'insulto gratuito o per motivazioni che esulano dal normale contrasto ON, il vilipendio di cadavere (è ammesso il solo taglio della testa con eccezione della lingua tra pg appartenenti a cariche sacre, senza indulgere in alcun caso in descrizioni dettagliate)
Pena: da semplice richiamo all'espulsione, a seconda della gravità del fatto - richiamo se l'azione è singola e senza conseguenze
8 (master) Non è consentito descrivere e/o rappresentare in chat animali da compagnia o da trasporto che non siano presenti nell'apposita sezione dell'equipaggiamento del giocatore. Sono infatti oggetti speciali che si possono ottenere nelle fiere o tramite eventi particolari e come tali non vanno inflazionati.
9 (master) Il trasferimento di risorse tra popoli deve essere effettuato dai mercanti tramite un'apposita giocata ongame. Trasferire grossi quantitativi di generi alimentari o risorse non è un'attività quotidiana e in quanto opportunità di gioco va documentata con un'apposita giocata in chat.

Gravidanza (Dei)

E` consigliabile ruolare la gravidanza tenuto conto che il tempo di gioco è accelerato rispetto al reale, 5 mesi è il periodo consigliato ma non imposto (libera scelta al pg)
 

Gravidanza e battaglia:  la donna che si gioca una gravidanza e combatte e subisce attacchi andati a segno,  perde per logica il bambino.

Eccezione: righ donna in stato di gravidanza che viene sfidato per la difesa del trono, solo in quel caso il nascituro è protetto dagli dei anche in caso di morte (lotta obbligata non voluta o scelta)

 

 

Pensieri in azione  (master e mod)

Le azioni devono servire a mostrare il nostro personaggio agli altri giocatori, in modo che possano relazionare i loro personaggi al nostro. Tutto quello che non ha questo scopo è superfluo nella migliore delle ipotesi, dannoso nella peggiore.

 

Sono azioni proprie e corrette quelle che consentono un´interazione con gli altri e danno modo al gioco di evolvere in una dinamica interattiva, di scambio. Tutto quello che esula dall´interazione e che non offre elementi ai partecipanti di interazione è *scorretto* ai fini del gioco, quindi il pensiero in azione propriamente detto non ha ragione di sussistere perchè non è interattivo.

Fatta questa premessa passiamo ad esempi pratici:

1) #Calimero pensa "sono nervoso" e guarda la porta pensando che può entrare da un momento all´altro il suo nemico.

Nessuno può venire a chiederti "Hei Calimero cos´hai?"

Ma se tu scrivi

#Calimero siede al tavolo bevendo una birra e lancia a Paperino un´occhiata cupa. Batte nervosamente le dita sul tavolo, mordicchiandosi di tanto in tanto le labbra. I suoi occhi cercano spesso la porta come se controllasse con particolare attenzione chi entra ed esce.

Suggerisci uno stato d´animo e un atteggiamento tipico, per cui chiunque può iniziare un´interazione con te in quanto coglie fisicamente indizi su un sentire del tuo personaggio e farne una ragione di approfondimento col parlato. E' indice di buon gioco

Questo è un esempio di come sia inutile in un gdr pensare in azione.

Vi sono casi in cui oltre ad essere inutile è anche dannoso e sono i casi sanzionabili in sede lettura master e quindi quantificabili nella migliore delle ipotesi in decurtazione px e richiamo

#Calimero vede entrare Paperino e pensa "è proprio un'infame traditore fedifrago, un gran figlio di buona donna....*

Paperino non ha alcuna possibilità di ribattere ad un pensiero offensivo.

#Calimero vede entrare Paperino, si alza squadrandolo dall'alto in basso mentre le labbra si piegano in una smorfia di disgusto, stringe a pugno le mani mentre gli si avvicina lentamente. "Maledetto traditore,  figlio di padre ignoto* sibila colmo di rabbia....

Questa azione dà modo a Paperino di interagire con Calimero, di rispondere, rientra tutto nel gioco e non lascia strascichi.

 

 

Autonclusive (master )

Per autoconclusiva si intende una azione iniziata e portata al suo fine dando gli esiti, parolone per dire che il sostanza il pg se le dice e se le canta.

Quella è la regola generale, scendendo nello specifico, vi sono autoconclusive che i master lasciano correre: quando non recano danno alla controparte, e non lo ledono in alcun modo.

Esempio pratico:

Qui, Quo, Qua vedono arrivare Zia Paperina e le corrono incontro abbracciandola.

Oppure due fidanzati che ammirano il chiaro di luna in laguna dove magari sono stati due ore a giocare l'innamoramento:

#Quasimodo guarda negli occhi Esmeralda, lentamente avvicina le labbra a quelle di lei sfiorandole per un tenero bacio.

 

Diventano invece azioni da decurtazioni px e da richiamo tutte quelle  autoconclusive che vanno a ledere l'integrità della controparte, senza che questa possa in alcun modo giocarsi il tentativo di difesa:

#Amelia si avvicina a Zio Paperone, tende il braccio apre la mano che muove veloce  in direzione del volto, schioccandogli un sonoro schiaffone.

Non c'è la possibilità da parte di Paperone di evitare il colpo, di sicuro però strillerà così tanto che le sue urla raggiungeranno la gestione, i master e i moderatori.

 

 

Bambini in battaglia ( mod)

 

Sono da considerarsi non giocabili, dunque chi ha creato un pg bambino lo deve sempre ruolare come tale quindi  non può impugnare alcun tipo di arma contro alcun nemico.

 

 

Svenimenti in battaglia (master )

 

Come regola, non si abbandona mai il proprio PG  al fato, quindi, comportando lo svenimento una perdita del controllo del proprio pg, che viene lasciato al suo destino, non potendo i giocatori nemici rimasti interagire senza commettere azioni autoconclusive lesive per il PG e comportando questo un ostacolo al gioco, è prevista una punizione per tale azione.
 

Invasioni di spianate (master e mod)

 

Va tenuto sempre conto che un villaggio è vivo abitato o si chiamerebbe cimitero. Può accadere che per svariati motivi di fatto non vi siano pg giocanti, ma è assurdo e crea malcontento sapere che si è stati invasi, capanne rase al suolo, bestiame razziato, lasciare ricordi poco profumati ecc, quindi tali giocate non sono ammesse e sanzionate.
 

Rapimenti

 

Rapire un pg in corso di gioco ha delle regole:

1) occorre l'assenso del player possessore del pg che si vuole rapire e/o di un master che sta seguendo il gioco e che dovrà farsi poi carico di seguire le giocate.
2) la giocata deve essere coerente e logica

Nel caso sia assente anche solo uno di questi presupposti, si riterrà nulla la giocata. Nessun px verrà dato al player che ha commesso il rapimento.

 

Ricordate che chi non si adegua e pensa  che  Celtic sia come una qualsiasi chat andrà incontro a quelle sanzioni, previste nel regolamento che vanno dall’esilio del pg per pochi giorni sino al suo allontanamento definitivo.

Non dimenticate mai che Celtic è aperta anche a giocatori di minore età ed è per loro, oltre naturalmente che per il puro e semplice buon gusto, che non vanno oltrepassati mai i limiti della decenza.

Non siate scurrili, volgari, esageratamente realistici nel descrivere un`azione cruenta. Ricordate sempre che vi possono esser ragazzini tra noi.

A Celtic sono state istituite figure di controllo che che hanno il compito di osservare e consigliare ma anche di prendere provvedimenti nei confronti di chi viola quanto sopra definito.

Anche in questo gioco esiste la possibilità di essere allontanati definitivamente, per cui vi ricordo a grandi linee cosa deve essere evitato:

- Il turpiloquio

- La bestemmia

- L'atteggiamento offensivo e lesivo nei confronti di chiunque presente o assente.

- Gli atteggiamenti, le espressioni e le immagini volgari e smaccatamente contrarie alla pubblica decenza ed al comune senso del pudore.

- Qualsiasi atteggiamento che possa, in qualsiasi modo, essere contrario ad una totale tutela dei minori.